The sense of guilt

“Io sono Antokamb il Bianco e ritorno da voi ora, al mutare della marea.”

Non lo so nemmeno io quant’è che non pubblico qualcosa. Evitando di scusarmi mi limiterò a inginocchiarmi sui ceci all’angolo della stanza, piangendo.

NOTA PER PARENTI/AMICI: Questo post non ha nessuno scopo secondario nel convincervi a comprarmi qualcosa. Il disegno non è stato costruito con tecniche psicologiche atte ad indurvi a darmi i vostri numeri di conto bancario. Ho scelto l’iPad perché mi sconfinfera ma potreste immaginarmi anche con una paperella di gomma in mano. (Se invece steste pensando “macchìttesencula!” allora siamo sulla giusta lunghezza d’onda).

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: